NonSoloShiatsu: I sette livelli di Salute (parte II)

salute
Prima di passare ai prossimi quattro punti, vorrei riassumere i primi tre per rinfrescare la memoria di chi ha letto il post. Per coloro che non l’hanno letto possono farlo cliccando qui.
Ricapitolando, le prime tre condizioni sono:
1.  Non affaticarsi oltre misura.Bisogna affrontare tutte le difficoltà della giornata con energia, ma senza arrivare stremati la sera sia nel fisico che nella mente.
2.  Non perdere mai l’appetito.Avere sempre “fame” di cibo, sesso, conoscenza, di azione, ma stando attenti a non saziarci mai. Teniamo sempre un po’ di vuoto dentro di noi.
3.  Dormire bene.Dormire a lungo non è sinonimo di dormire bene. Si può dormire per poche ore ma profondamente e, quindi, con una migliore qualità delle ore di riposo.

E passiamo, dunque, alle altre quattro condizioni:
4.  Avere una buona memoria.
La memoria ci serve per valutare il mutamento di ciò che accade intoro a noi. Possiamo contare su una memoria visiva, cioè la capacità di ricordare immagini e scene; una memoria meccanica in grado di ricordare nomi e numeri; e di una memoria spirituale, cioè la capacità di ricordare da dove siamo venuti e come ci siamo evoluti nel tempo. Quest’ultima è molto importante perché ci consente di capire il significato della nostra vita. Le altre memorie si possono considerare parti della memoria spirituale.
5.  Non perdere mai la calma.
Detto così sembra facile, ma metterlo in pratica… Eppure chi è in buona salute non si adira mai. Bisogna essere consapevoli che viviamo in un sistema unico (l’Universo) che non siamo capaci di controllare, pur sforzandoci di farlo in ogni modo. Le cose accadono perché devono accadere e chi riesce ad adattarsi al mutare delle circostanze senza perdere la calma, riesce a preservare la salute. Lao Tze diceva: “Se hai un problema e puoi risolverlo è inutile che ti preoccupi, se non puoi risolverlo è altrettanto inutile la tua preoccupazione”. Se domattina scendi a prendere l’auto e trovi lo sbadato di turno che ti ostruisce il passaggio del garage, hai due soluzioni: chiami i vigili ed inveisci contro chi non ti permette di prendere l’auto avvelenandoti di rabbia, oppure, sorridi e ti avvii a piedi. In tutti i casi farai tardi a lavoro.
6.  Essere sempre allegri e ben disposti.
Questo punto è molto legato al precedente, perché è necessario reagire immediatamente al mutamento delle circostanza. Il nostro comportamento a questi mutamenti dovrebbe essere sempre positivo. Non bisogna perdere l’allegria ed il buon umore in nessun momento della nostra vita. La nostra presenza deve dare gioia e deve ispirare benessere. Immagina di aver appena vinto una forte somma di denaro, ma non puoi riscuoterla prima di sei mesi. Quale atteggiamento credi di avere nei prossimi mesi? Sono sicuro che molte situazioni risulterebbero più leggere, perché dentro di noi abbiamo attivato uno stato di positività tale che ci induce a sorridere su quelle circostanze che una volta ci avrebbero provocato rabbia, fastidio, astio. Non abbiamo ancora ricevuto un centesimo eppure riusciamo ad essere ben disposti ad affrontare la vita. Questo ci fa capire che, se vogliamo, possiamo creare questo stato di benessere anche senza ricevere nessun compenso in denaro e per meglio comprendere, leggi l’ultima condizione.
7.  Essere sempre grato a tutti e a tutto.Ognuno di noi è parte dell’Universo e di tutte le sue manifestazioni. Siamo sani quando apprezziamo tutto questo con gratitudine. Essere consapevoli che tutto ciò che ci circonda può essere considerato come il compenso per essere allegri e ben disposti come al punto precedente. A chi non è mai capitato di osservare un tramonto mozzafiato? A chi alla vista di tanto splendore non abbia avuto la sensazione che tutto ciò sia impagabile, senza prezzo. Bene, ringraziamo per questo, è la nostra ricompensa! Ringraziamo per avere in casa un animaletto peloso che ci dona gioia e amore, ringraziamo di avere una casa! Ringraziamo per gli amici che abbiamo intorno, ringraziamo lo spazzolino che ci lava i denti! Capito dove voglio arrivare? Siamo sempre alla ricerca di ciò che non abbiamo, trasformiamo in un bisogno l’effimera voglia di avere. Dovremmo, invece, ringraziare per tutte le cose che abbiamo già e renderci conto di quanto siamo già ricchi!
Riuscire a mettere in pratica queste condizioni all’apparenza non è semplice, ma è la via d’uscita per essere sani e liberi. Inizia con un punto alla volta! Leggi e rileggi questi post fino a metabolizzarne il contenuto.
Essere sani e salvaguardare la nostra salute inizia proprio da noi, dal nostro atteggiamento verso la vita stessa!

Bibliografia: Michio Kushi, “Il Nuovo libro della Macrobiotica”, ed. Mediterranee
                 
Appunti personali.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...